domenica, Luglio 14, 2024
HomeCronacaSan Giorgio, in campo i percettori del reddito di cittadinanza

San Giorgio, in campo i percettori del reddito di cittadinanza

Utilizzate le prime 52 unità sul territorio comunale

Reddito di cittadinanza, finalmente si lavora.  Il reddito di cittadinanza che è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale, finalmente tiene banco anche a San Giorgio. Parte una prima fase per 120 percettori di reddito che saranno impegnati in  diverse attività utili alla comunità cittadina.

Si tratta di progetti (PUC) che saranno realizzati sul territorio dell’ambito 28 San Giorgio a cremano e San Sebastiano. Per il momento saranno le prime 52 unità  ad essere impegnate in lavori che  si svilupperanno su quattro progetti come supporto alle attività già esistenti.   Si tratta di supporto alla sorveglianza nelle ville e nei parchi piccola pulizia e salvaguardia del patrimonio comune, supporto all’esterno degli istituti comprensivi nella gestione dei flussi di studenti dalle scuole con l’inizio dell’anno scolastico, supporto alla protezione civilesupporto  agli uffici comunali e alla città dei bambini e delle bambine alla salvaguardia nelle ville e nei parchi pubblici.

Si comincerà  il 5 settembre e progressivamente  saranno impegnate tutte le altre unità negli altri progetti  che verranno individuati dalle Politiche Sociali  con l’Assessore Giuseppe Giordano  per continuare anche nel 2023.

C’è voluto molto tempo per  espletare  prima dell’estate l’iter burocratico e amministrativo previsto dalla normativa in collaborazione con il Centro per l’Impiego e con l’Inail nonché  per tutte le attività relative alla formazione individuale.

Nell’ambito della normativa vigente che prevede per i percettori di reddito  di cittadinanza di svolgere progetti utili alla cittadinanza in ambito culturale sociale e ambientale  e dopo avere effettuato le opportune valutazioni è stato avviato l’iter per la realizzazione dei PUC. Tali attività fa sapere l’Amministrazione possono  essere viste anche come  opportunità di inclusione e crescita personale e costituire un vantaggio per tutta la comunità.

Qualche critica  viene manifestata sui social   dai cittadini  relativamente alle 8 ore settimanali di prestazioni previste  che appaiono assolutamente minime rispetto alla percezione di un reddito da lavoro e potrebbero divenire occasione  di sviluppo  di lavoro nero

Non sono mancati però nemmeno i complimenti  al Sindaco e all’amministrazione con l’augurio che altri percettori possano accedere al lavoro.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

I più letti

Pubbicità

SEGUICI SUI SOCIAL